Incavolati neri!

dal sito http://www.google.it/url?sa=i&rct=j&q=&esrc=s&source=images&cd=&cad=rja&uact=8&ved=0CAYQjB0&url=http%3A%2F%2Fwww.gustoblog.it%2Fpost%2F31435%2Fricette-autunnali-con-il-cavolo-nero-dalle-zuppe-ai-contorni&ei=yzaxVJSDGIT3O-b7gbgP&bvm=bv.83339334,d.ZWU&psig=AFQjCNGHZDzABA1W5FPc1OLvi2IoBlkELw&ust=1420986183768045

Il cavolo nero è un ortaggio particolarmente caro ai toscani, poiché è l’ingrediente prezioso della zuppa, piatto tradizionale di questa regione. Appartiene alla famiglia delle Crucifere-Brassicacee, pertanto, come i suoi con-simili, è un ortaggio ricco dal punto di vista nutrizionale, in quanto, oltre a varie vitamine (A, C e K) e sali minerali, contiene flavonoidi, terpeni e indoli, sostanze preziose nella prevenzione di alcuni tipi di tumore (stomaco, intestino, polmone, seno e utero) ma anche di patologie gastrointestinali come l’ulcera gastrica e la colite ulcerosa.
Fra gli indoli, uno in particolare, detto indolo-3-carbinolo, interferisce con il metabolismo degli estrogeni, limitando la proliferazione cellulare indotta da questi ormoni in alcuni tessuti.
Fra i pigmenti di cui questo ortaggio è ricchissimo ricordiamo la clorofilla, la luteina e il beta-carotene, anch’essi protettivi rispetto a diverse patologie. Gli esperti consigliano di consumare almeno tre porzioni a settimana di Brassicacee, cioè cavoli e broccoli, per assumere quantità sufficientemente protettive di queste preziose sostanze.
La ricchezza nutraceutica del cavolo nero si associa,peraltro, a un apporto calorico molto basso, che rende questo ortaggio adeguato anche a chi è in sovrappeso e a chi soffre di diabete. Attenzione, però, alla zuppa! Essa è un piatto tradizionale molto gustoso, ma calorico, sia per la presenza cospicua di pane che per il metodo di cottura utilizzato durante la preparazione. Il modo più sano per consumare il cavolo nero è, in realtà, appena lessato e condito con olio extra vergine d’oliva, ricordando che le cotture molto prolungate ne impoveriscono le proprietà nutrizionali. Ottimo anche al vapore e mescolato a pangrattato e formaggio per farne uno sformato.
E la mitica zuppa, allora? Niente paura! Godiamocela ogni tanto, senza sensi di colpa, associata a un buon olio toscano!

Scritto per Dimensione Agricoltura

Informazioni su sedi, orari e modalità operative dello studio nutrizionale.

 

Immagine tratta dal sito gustoblog.it
ricette consigliate dal sito giallozafferano.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>