Il ruolo dell’alimentazione in oncologia

cropped-cropped-IMG_1088.jpg

Il ruolo preventivo dell’alimentazione rispetto allo sviluppo del cancro è riconosciuto da molto tempo. Il lavoro di studiosi come Franco Berrino ci insegna che mangiare correttamente, preferendo alimenti di origine vegetale freschi, di stagione e a basso indice glicemico contribuisce a mantenerci in buona salute. La FAO e l’OMS hanno dichiarato che alimenti e nutrizione sono i principali fattori ambientali in grado di influenzare l’induzione di malattie croniche non trasmissibili, in particolare cancro e malattie cardiovascolari.

Ma, oltre all’importanza indiscussa che il cibo svolge come strumento preventivo, qual è il ruolo della corretta e adeguata alimentazione nelle patologie oncologiche?

IMG_3169Dopo la diagnosi e i relativi trattamenti farmacologici, le abitudini alimentari possono fare la differenza e rappresentare un valido supporto alle terapie e alla loro efficacia. Il supporto nutrizionale è caratterizzato, dunque, da tre momenti fondamentali: 1) preparazione pre-terapia; 2) supporto alle terapie; 3) ricostituzione dei substrati e ripristino delle funzionalità.
1). E’ importantissimo, per cominciare, curare la salute dell’intestino prima di intraprendere le terapie oncologiche. E’ noto, infatti, quanto queste possano danneggiare le mucose dell’apparato gastroenterico, l’ecosistema batterico intestinale e il meccanismo fame/sazietà: sistemi in stretta correlazione con la buona salute del miocrobiota intestinale. Mettersi in condizione di affrontare le terapie con tessuti, organi e apparati in buone condizioni è utile ad alleviarne gli eventuali effetti collaterali.
2) . Nel corso dei trattamenti terapeutici (chemioterapici, ormonali, immunologici, chirurgici) l’alimentazione risulta fondamentale per affrontare stati di malnutrizione, stipsi o diarrea, mucositi e nausea, conseguenze di variazioni ormonali e immunologiche. Inoltre, è bene sapere che alcuni alimenti interferiscono con l’efficacia di alcune terapie e che quindi la scelta di come e cosa mangiare può fare la differenza.
3). Una volta terminati i trattamenti farmacologici, il malato oncologico si trova spesso a fare i conti con una stato di malnutrizione, dimagrimento o, al contrario, di sovrappeso. A questo punto, la riabilitazione nutrizionale e, quando necessaria una buona e specifica integrazione, rappresenteranno strategie adeguate per ritornare in salute e fare prevenzione secondaria.

 

Informazioni su sedi, orari e modalità operative dello studio nutrizionale.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>